pixel
Condividi
x

Inserimento degli ordini? Ci pensa l’IA!

08/02/2024
Food & Consumer Goods
Settore
Sales ,Tech
Categorie

Il tema dell’inserimento degli ordini

In un mondo che viaggia a velocità impensabili, in cui l’ottimizzazione dei processi è alla base del miglioramento delle performance aziendali, l’errore è sempre meno compreso e l’intervento manuale diventa sempre più complicato, c’è una categoria di lavoratori ancora in attesa di aiuto. Sto parlando di tutti quegli utenti che lavorano in condizioni di mobilità o, comunque, in condizioni tali per cui non sempre è possibile avere un computer e una postazione a disposizione per inserire gli ordini.

Pensiamo ad esempio a chi gestisce le cucine o a chi lavora nei mercati dei prodotti freschissimi, come ortofrutta e pesce: in questi contesti i prodotti cambiano quotidianamente e non c’è il tempo per sedersi davanti a un computer, effettuare un accesso e compilare un ordine. Questa, infatti, è una categoria di utenti che non trova spazio nelle maschere di inserimento strutturate e che non ha tempo di capire quale variante del prodotto è disponibile. Per di più, questi utenti hanno un rapporto ‘intimo’ con il loro fornitore e si aspettano di essere sempre riconosciuti, forti della storicità dei propri acquisti e delle proprie abitudini.

L’innovazione che stavamo aspettando: l’IA per inserire gli ordini

Un ordine, fatto nelle condizioni sopra descritte, spesso:

  • viene effettuato in diverse modalità (ad es. e-mail o messaggi vocali)
  • non segue una struttura
  • viene scritto in linguaggio naturale
  • può contenere errori
  • può contenere informazioni differenti di volta in volta

Lo scenario in cui operano queste categorie di lavoratori ha reso il processo di inserimento dell’ordine manuale e di dominio dell’operatore che deve processarlo. Data la sua particolarità, tutte le logiche che lo governano, dal riconoscimento del cliente all’abbinamento dell’articolo ‘migliore’, non potevano essere trasportate in un applicativo.

Ora, invece, possiamo dare un aiuto concreto a questi operatori, e alle rispettive aziende, perché siamo in grado di automatizzare il processo di riconoscimento dell’ordine, lasciando all’operatore solo la sua validazione.

I vantaggi per le aziende sono enormi, in quanto si dà forma ad un processo che di strutturato aveva gran poco, ma come si fa?

In Aton siamo sempre stati attenti all’innovazione e sono i clienti che, per primi, ci spingono a fare ricerca e sviluppo: partendo da esperienze concrete di mercato, sviluppiamo soluzioni che soddisfino bisogni già presenti negli utenti. E così, proprio con l’aiuto dei LLM (Large Language Model) e con l’introduzione dei Database vettoriali, siamo riusciti a gestire anche questa necessità: a partire da un ordine “destrutturato” possiamo automaticamente riconoscere il cliente, gli articoli e le note ordine, tornando dall’operatore con una proposta d’ordine solamente da validare.

Questo processo ha anche un ulteriore risvolto, ovvero la necessità di creare nuove maschere di iterazione con i dati: infatti, quelle attuali, sono pensate per un’immissione di dati che parte dell’utente. Tale rigidità, però, non si sposa con i nuovi processi in cui il mix tra automazione e validazione richiede una esperienza utente (UX) diversa.

Prendiamo un ordine come esempio: come facciamo a gestirlo e aiutare l’utente dell’azienda che lo riceve?

Ordine destrutturato in una struttura organizzata - Aton

Vediamo intanto le criticità di questo ordine:

  • Cliente xxyy – il cliente può scrivere una dicitura riconosciuta dal fornitore e non la ragione sociale completa, o addirittura omettere l’informazione
  • 7kg di patate novell (solite)– l’unità di misura è scritta in una forma naturale, attaccata alla quantità; l’articolo è generico e contiene un errore; inoltre è presente un commento
  • 2 casse di arance navel – l’unità di misura potrebbe non corrispondere a quella di vendita; la descrizione dell’articolo è generica e non riconducibile ad un articolo preciso.
  • Consegnare con la solita modalità – una nota ordine non paragonabile a nessun elemento di un ordine tradizionale

Aton ha una soluzione: l’IA per inserire gli ordini

L’ordine di esempio, come abbiamo visto, contiene diversi elementi naturali che solo un essere umano è in grado di comprendere e, per di più, che solo un operatore che conosce già il cliente è in grado di processare, rischiando comunque di commettere errori di interpretazione o battitura.

Invece, grazie all’uso dell’IA, possiamo riconoscere i vari elementi che compongono un ordine e rappresentarli in una struttura organizzata.

In qesto modo, la riga 7kg di patate novell diventa:

Ordine destrutturato in una struttura organizzata - Aton

Bene, abbiamo strutturato la riga originale e ora arriva il bello: come facciamo a riconoscere l’articolo del cliente che acquista di solito?

Qualcuno potrebbe dire che esistono tecniche di ricerca nei database tradizionali che potrebbero assolvere al compito: vero, ma con che percentuale di precisione?

Con la ricerca semantica in un database vettoriale cambia tutto: possiamo individuare l’articolo statisticamente più simile a quello richiesto e, perché no, associarne delle alternative.

Ecco che la nostra riga si modifica così:

Raccolta ordini in linguaggio naturale - Aton

Abbiamo fatto una piccola magia e ora siamo in grado di sottoporre il risultato a una procedura più classica, che può affinarlo (ad es. l’articolo individuato potrebbe non essere disponibile, la quantità potrebbe non coincidere con l’imballo) e un operatore ha il compito di validare questo risultato e mandare l’ordine in evasione.

Quanto possiamo scalare questo processo adesso? Da un’e-mail o da un vocale – ebbene si, iniziamo a parlare anche di interpretazione di messaggi vocali – possiamo arrivare ad un risultato incredibile in pochi secondi. Ebbene sì, abbiamo usato l’IA per inserire gli ordini!

Abbiamo letto e interpretato il linguaggio naturale e abbiamo trasferito parte della conoscenza del cliente, e delle sue abitudini, in una procedura: non male vero?

Considerazioni sull’IA

Calare le nuove tecnologie in un contesto e utilizzarle nel modo corretto è fondamentale: è bene non citare l’Intelligenza Artificiale solo per cavalcare un trend e fare notizia perché si corre il rischio di banalizzarne le potenzialità di utilizzo.

Una tecnologia facilmente accessibile non è per definizione facile da adottare, ecco perché Aton crede nella formazione delle persone che possono, così, sperimentare e portare le soluzioni su un altro livello.

Volete saperne di più sulle nuove tecnologie che Aton sta implementando? Stay tuned!

linkedin-icon-img instagram-icon-img facebook-icon-img

ATONEWS
Le persone al centro
NRF 2024 - Aton
Retail · Retail Management·Sales·Tech
Alberto Canova
NRF 2024: Retail’s Big Show
26/01/2024
Approfondisci
IA - Aton
Tech
Cristiano Negri
Esplora l’IA con Aton: 7 casi d’uso che stanno ridefinendo l’innovazione!
12/12/2023
Approfondisci
Applicazione di vendita - Aton
Food & Consumer Goods · Sales
Giovanni Bonamigo
Le 10 domande chiave per un’applicazione di vendita intelligente
11/12/2023
Approfondisci
Business Intelligence - Aton
Retail · Retail Management·Sales·Tech
Cristiano Negri
Business Intelligence e analisi dei dati per valorizzare le informazioni dell’azienda
21/11/2023
Approfondisci
Test: La definizione dei mille - Aton
Tech
Leonardo Rossi
La definizione dei mille: il mondo dei test
15/11/2023
Approfondisci
Nuove tecnologie mobile onRetail - Aton
Retail · Retail Management
Cristiano Negri
La realtà aumentata e le altre tecnologie mobile che cambieranno il tuo modo di lavorare
26/10/2023
Approfondisci
Il B2B-commerce non è solo un e-commerce | Aton
E-commerce
Giovanni Bonamigo
Perché un B2B-commerce non può essere solo un e-commerce
13/07/2023
Approfondisci
Food & Consumer Goods · Sales
Redazione
Perché le vendite in movimento hanno bisogno di un CRM Mobile
29/01/2019
Approfondisci
CASE STUDY
Ecco alcune delle nostre esperienze
Leggi
caffè-vergnano-case-study-aton-img

Caffè Vergnano

Food & Consumer Goods
Oggi Caffè Vergnano è presente sul territorio in 19 regioni con oltre 4.500 clienti Ho.Re.Ca e nel mondo con più di 70 locali in 19 paesi.
Approfondisci
Leggi
unicomm-banner-img

Unicomm

Retail Vendite Omnichannel
Nel corso dei suoi quasi 70 anni di storia Unicomm è cresciuto fino ad essere presente oggi in 7 regioni e 32 province italiane. Con oltre 1500…
Approfondisci
Leggi
shv-energy-case-study-img

SHV Energy

Energy
In una sola web console l’azienda registra i dati, gestisce gli ordini, pianifica i rifornimenti, la manutenzione e si assicura che tutte queste operazioni vengano riportate in modo immediato e automatico nel gestionale.
Approfondisci
Leggi
gruppo-poli-banner-img

Gruppo Poli

Retail Vendite Omnichannel
Poli ha unito tradizione e innovazione nel proprio modo di fare impresa ponendo particolare attenzione ai collaboratori, ai clienti e al territorio. In Aton, ha trovato un partner con…
Approfondisci
Leggi
cattel-banner-img

Cattel

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Cattel S.p.a, azienda leader nel Nord d’Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel canale Ho.Re.Ca ha profondamente trasformato la raccolta ordini adottando la soluzione .onSales B2B di Aton.
Approfondisci
Leggi
Despar-Case-banner-img

Despar

Retail Vendite Omnichannel
Tutte le operazioni di negozio gestite in palmo di mano per gli oltre 600 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar
Approfondisci