pixel
Condividi
x

Design thinking: un viaggio nel co-design con il nostro team UX

29/06/2023

Qualche anno fa ricordo con piacere un laboratorio fatto con PwC Italia sul tema del design thinking.

A quel tempo in Aton eravamo già sensibili al tema della progettazione guidata dall’esperienza utente, che prevede momenti creativi divergenti alternati a quelli convergenti, in cui razionalizzare e fare il test col cliente.

Oggi in azienda abbiamo un team dedicato a questi aspetti e, così, si è realizzato uno dei miei sogni: aver reso sistematico l’approccio alla progettazione di nuove soluzioni applicative che passano dal co-design fatto con i nostri clienti e i loro utenti.

Quello che posso anticipare è che questo approccio ci ha permesso di offrire soluzioni innovative e evitare costosi rework in fase avanzata di implementazione come avveniva quando si sviluppavano i progetti partendo da un documento testuale con i requisiti funzionali, senza prendere in considerazione l’interazione utente.

Abbiamo fatto de chiacchiere con Federica, che guida il nostro team UX.

Da dove partite nella organizzazione di una sessione di co-design?

Per organizzare al meglio una sessione di co-design, è fondamentale creare un contesto confortevole, in cui i vari stakeholder si sentano a loro agio e pronti a portare la loro esperienza all’interno del progetto.
Un luogo dove il designer ha l’importante ruolo sia di guida che di interprete per le diverse figure che, con competenze e ruoli diversi, dovranno sentirsi a loro agio nell’esporre idee, pain point e contributi nel disegno del progetto.

Si parte quindi da una scaletta di attività, in modo da agevolare il timing delle diverse fasi di progettazione, per poi passare alla pratica su un piano di appoggio reale o virtuale, dove applicare canvas, post-it e tutto ciò che agevola l’espressione dei vari partecipanti.

Comunicare in modo chiaro, fare le domande giuste e mettere le persone al primo posto sono elementi fondamentali in questa fase.

Come evitare di cadere nella trappola del group-thinking?

Per evitare che il gruppo di lavoro sia poco dinamico e fare in modo che si valutino tutte le opzioni alternative, è buona norma ripetere le stesse domande in sessioni diverse di co-design o in parallelo.

È necessario incoraggiare sempre tutti i partecipanti a rimanere critici, accogliere il dissenso o le sfide poste verso l’opinione prevalente.

Come si arriva alla UI?

La UI è una delle parti finali del progetto, per raggiungerla si deve prima passare attraverso step essenziali come:

  • la comprensione e l’analisi, che includono una fase di ricerca, interviste, definizione delle problematiche e dei goal
  • l’ideazione in modalità di brainstorming, delineando personas, scenari e journey map
  • la fase decisionale, che include la schematizzazione dell’architettura delle informazioni e il disegno dei wireframe
  • la creazione di un’interfaccia e di una prototipazione dove, con l’aiuto di software sempre più efficaci come Figma, Sketch & Co, ci si avvicina sempre più al progetto finale
  • lo sviluppo vero e proprio delle funzionalità e i preziosissimi test

Le fasi del Co-Design in Aton

Come viene testata la UI sugli utenti?

Per testare le interfacce più articolate, realizziamo prototipi interattivi attraverso i quali si possono raccogliere i feedback degli utenti.

Tramite l’ascolto, l’osservazione, l’impostazione di diversi user test, guidati e non, riusciamo a segnare i punti di miglioramento e le criticità incontrate dagli utenti.

Così facendo, si può procedere con la definizione più efficace ed efficiente della soluzione, tenendo sempre in mente che il design di un prodotto deve essere:

  • usable
  • equitable
  • enjoyable
  • useful

Come fa la UI a diventare “codice”?

Per trasformare i sogni degli stakeholder in realtà serve, oltre ad una saggia progettazione, anche un ottimo team di sviluppo.

Con la giusta modalità di condivisione e comunicazione il progetto può essere riprodotto e reso funzionante grazie a diversi strumenti sempre più all’avanguardia.

L’allineamento costante e la connessione tra il mondo del design e dello sviluppo rende il prodotto ben organizzato e sincronizzato.

Qual è uno dei progetti di co-design che ti ha dato maggiore soddisfazione? E perché?

Uno dei progetti più recenti è stato fatto con un cliente che ci ha chiesto supporto in una serie di workshop: l’obiettivo era una soluzione di portale B2B di nuova generazione che vedrete presto tra i nostri casi di successo.

La possibilità di lavorare a più mani e di raccogliere i feedback e le idee direttamente dai componenti del gruppo di lavoro, ha reso il progetto dinamico e il risultato soddisfacente per tutte le parti.

ATONEWS
Le persone al centro
evoluzione della User Interface-img
Tech
Federica Balliana
Semafori in pensione | L’evoluzione della User Interface
19/07/2022
Approfondisci
consulenza-sviluppo-app-img
Retail
Redazione
Consulenza e sviluppo app su dispositivi Android, iOS e Web
20/12/2021
Approfondisci
metodologia-design-thinking-img
Prosperity·Tech
Redazione
Design Thinking: cos’è il Double Diamond?
14/12/2018
Approfondisci
Design-thinking-innovazione-img
Prosperity·Tech
Redazione
Design Thinking: metodologia a servizio dell’innovazione
04/12/2018
Approfondisci
People·Prosperity
Redazione
User Centered Design: la mossa vincente nello sviluppo di applicazioni software
28/09/2018
Approfondisci
Prosperity
Redazione
Perché investire nella User Experience?
26/07/2018
Approfondisci
CASE STUDY
Ecco alcune delle nostre esperienze
Leggi
caffè-vergnano-case-study-aton-img

Caffè Vergnano

Food & Consumer Goods
Oggi Caffè Vergnano è presente sul territorio in 19 regioni con oltre 4.500 clienti Ho.Re.Ca e nel mondo con più di 70 locali in 19 paesi.
Approfondisci
Leggi
unicomm-banner-img

Unicomm

Retail Vendite Omnichannel
Nel corso dei suoi quasi 70 anni di storia Unicomm è cresciuto fino ad essere presente oggi in 7 regioni e 32 province italiane. Con oltre 1500…
Approfondisci
Leggi
shv-energy-case-study-img

SHV Energy

Energy
In una sola web console l’azienda registra i dati, gestisce gli ordini, pianifica i rifornimenti, la manutenzione e si assicura che tutte queste operazioni vengano riportate in modo immediato e automatico nel gestionale.
Approfondisci
Leggi
gruppo-poli-banner-img

Gruppo Poli

Retail Vendite Omnichannel
Poli ha unito tradizione e innovazione nel proprio modo di fare impresa ponendo particolare attenzione ai collaboratori, ai clienti e al territorio. In Aton, ha trovato un partner con…
Approfondisci
Leggi
cattel-banner-img

Cattel

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Cattel S.p.a, azienda leader nel Nord d’Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel canale Ho.Re.Ca ha profondamente trasformato la raccolta ordini adottando la soluzione .onSales B2B di Aton.
Approfondisci
Leggi
Despar-Case-banner-img

Despar

Retail Vendite Omnichannel
Tutte le operazioni di negozio gestite in palmo di mano per gli oltre 600 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar
Approfondisci