pixel
Condividi
x

Incentivi per le imprese: tutte le novità del 2023

05/04/2023
veronica-olivi-brand-ambassador-img
Veronica Olivi
Client Manager
#SustainableInnovation
Prosperity
Categorie

Acquisto di beni, digitalizzazione e formazione

Anche per il 2023 sono stati previsti e rinnovati alcuni incentivi per le imprese che vogliono investire in digitalizzazione, innovazione e beni strumentali, ma con alcune novità rispetto al passato. Altri nuovi strumenti dedicati soprattutto alla transazione green e alla connettività sono stati rafforzati.

In particolare, la misura del credito d’imposta per i beni strumentali nuovi (es. macchinari per la produzione, macchine motrici e operatrici, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione ecc.) ha visto dei cambiamenti rispetto agli anni scorsi.

L’obiettivo della misura rimane quello di supportare le imprese negli investimenti in beni strumentali nuovi, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

Incentivi per le imprese: cosa prevede il credito d’imposta?

Il credito d’imposta riguarda:

  • Il 20% del costo per la quota degli investimenti fino a 2,5 milioni di euro.
  • Il 10%, invece, se si superano i 2,5 milioni di investimento.

È importante sottolineare che il credito d’imposta è riconosciuto per gli investimenti effettuati fino al 30 giugno 2026 a condizione che entro la data del 31 dicembre 2025 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconto in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Le stesse condizioni temporali e con un’aliquota mantenuta al 20% per il 2023 valgono per il credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali immateriali (es. software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni).

In questo caso, la misura prevede un credito d’imposta:

  • del 20% su un limite di investimento di 1 milione di euro nel 2023
  • del 15% su un limite di investimento di 1 milione di euro nel 2024
  • del 10% su un limite di investimento di 1 milione di euro nel 2025

Il monito del Ministero delle imprese e del Made in Italy è quello di fare investimenti nel breve termine, in modo da trarne un maggiore beneficio.

Credito d’imposta per la formazione 4.0

Nel corso degli ultimi anni, a seguito della maggiore specializzazione dei lavorativi e la richiesta di aggiornamento costante per mantenere il passo con il progresso innovativo, si è dimostrato molto utile il credito d’imposta per la Formazione 4.0.

La misura è volta a sostenere le imprese riconoscendo un aiuto per gli investimenti nella formazione per il personale e una serie di costi annessi.

Le attività formative dovranno riguardare alcune materie specifiche, tra cui le vendite e marketing, l’informatica, le tecniche e tecnologia di produzione e altre tematiche in materia di Formazione 4.0.

Per le PMI, ad esempio, il credito d’imposta è del 70%, su un investimento di 300.000 euro.

Questi incentivi rappresentano solo alcuni esempi degli strumenti messi a disposizione dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, nel cui sito web è possibile raccogliere tutte le informazioni su come aderire agli incentivi.

Aton Spa Società Benefit, come azienda che affianca molte realtà italiane e internazionali nel progresso digitale, si fa portavoce di tali aiuti concreti e mette a disposizione la propria competenza sia in materia di software sia di hardware per poter rendere possibile il cambiamento nelle imprese.

ATONEWS
Le persone al centro
Aton B Corp
People·Planet·Prosperity
Tania Zanatta
Aton è una B Corp certificata
03/03/2023
Approfondisci
transizione-40-img
Prosperity
Veronica Olivi
Strumenti e risorse per una Transizione 4.0
02/08/2021
Approfondisci
Prosperity·Tech
Denisa Zara
Aton annuncia l’acquisizione di Nexus Informatica
21/10/2020
Approfondisci
CASE STUDY
Ecco alcune delle nostre esperienze
Leggi
caffè-vergnano-case-study-aton-img

Caffè Vergnano

Food & Consumer Goods
Oggi Caffè Vergnano è presente sul territorio in 19 regioni con oltre 4.500 clienti Ho.Re.Ca e nel mondo con più di 70 locali in 19 paesi.
Approfondisci
Leggi
unicomm-banner-img

Unicomm

Retail Vendite Omnichannel
Nel corso dei suoi quasi 70 anni di storia Unicomm è cresciuto fino ad essere presente oggi in 7 regioni e 32 province italiane. Con oltre 1500…
Approfondisci
Leggi
shv-energy-case-study-img

SHV Energy

Energy
In una sola web console l’azienda registra i dati, gestisce gli ordini, pianifica i rifornimenti, la manutenzione e si assicura che tutte queste operazioni vengano riportate in modo immediato e automatico nel gestionale.
Approfondisci
Leggi
gruppo-poli-banner-img

Gruppo Poli

Retail Vendite Omnichannel
Poli ha unito tradizione e innovazione nel proprio modo di fare impresa ponendo particolare attenzione ai collaboratori, ai clienti e al territorio. In Aton, ha trovato un partner con…
Approfondisci
Leggi
cattel-banner-img

Cattel

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Cattel S.p.a, azienda leader nel Nord d’Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel canale Ho.Re.Ca ha profondamente trasformato la raccolta ordini adottando la soluzione .onSales B2B di Aton.
Approfondisci
Leggi
Despar-Case-banner-img

Despar

Retail Vendite Omnichannel
Tutte le operazioni di negozio gestite in palmo di mano per gli oltre 600 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar
Approfondisci