pixel
Condividi
x

The Mythical Man-Month: old but gold?

19/01/2024

Il 2023 è stato l’anno del consolidamento del metodo di lavoro del nostro Team Backend: nel 2022 lo abbiamo pensato, abbiamo raccolto gli strumenti e provato a osservarne i risultati. L’anno scorso abbiamo cominciato a raccoglierne i frutti:

  • i test che non rallentano ma, anzi, rendono più veloce lo sviluppo;
  • le segnalazioni che riguardano aspetti delle specifiche tecniche che non erano stati completamente compresi o analizzati;
  • il cambiamento come costante, che è possibile seguire perché la struttura del codice è a suo modo semplice e rimane malleabile anche dopo centinaia e centinaia di funzionalità aggiunte.

E di questi risultati abbiamo parlato anche in eventi internazionali a colleghi di mezza Europa interessati a capire se questo modo di fare le cose possa essere utile anche a loro.

Formazione è anche leggere un libro: The Mythical Man-Month

La P di People nella missione di Aton significa, tra le altre cose, formazione: così, nell’ambito del progetto formativo del Team, ho voluto inserire la lettura di un libro proprio per aiutare a riflettere sul nostro metodo e sul “come” ogni giorno lavoriamo.

Volutamente non ho scelto un libro recente ma un libro che, nonostante i suoi anni, rimane una punto di riferimento sull’argomento: quel “The Mythical Man-Month” di Peter Brooks  – approfondisci qui – che:

  • ha fissato alcuni termini nel discorso sulla metodologia di sviluppo del software,
  • ci ha dato euristiche importanti nella gestione dei progetti (“Adding manpower to a late software project makes it later“, detta anche legge di Brooks),
  • ha reso popolare una delle poche “leggi” che sembra reggere nonostante i cambiamenti nelle tecnologie e nelle generazioni di professionisti: la legge di Conway, cioè “Any organization that designs a system will produce a design whose structure is a copy of the organization’s communication structure.

The Mythical Man-Month - Perché leggerlo

Perché leggere un libro che è più vecchio di almeno dieci anni del più “esperto” membro del team?

Cosa può dire ai programmatori di oggi un libro così datato, in un campo come il nostro, che evolve così velocemente?

Proprio per la velocità con cui i nostri strumenti cambiano, le circostanze in cui lavoriamo mutano e le priorità si muovono, dobbiamo riflettere continuamente su come maneggiamo gli strumenti, anticipiamo le circostanze e leggiamo le priorità.

Siamo come un fabbro che picchia sull’incudine con un martello che non è lo stesso che ha alzato con il braccio pochi istanti prima, e l’oggetto che stiamo forgiando muta continuamente forma. Così, riflettere sul nostro metodo di lavoro ci deve portare a mantenerlo costantemente aggiornato, efficiente, verificando continuamente che i passi che seguiamo servano, ciascuno, a portare valore al prodotto finale e non siano invece avanzi di un “abbiamo sempre fatto così” o rituali ormai vuoti di utilità. Questo vale non solo per gli “strumenti” propriamente detti, come linguaggi e strumenti di programmazione, ma anche per le nostre riunioni, per il modo con cui comunichiamo e per gli strumenti che usiamo per farlo: vanno analizzati con occhio critico, anche mentre vi partecipiamo.

Il solo metodo che può essere efficace è quello che ci siamo *coscientemente* scelti: una ricetta che ci viene data da altri non può comprendere tutte le sfumature delle circostanze in cui lavoriamo, e un modo di fare che si trascina senza ricordare più il motivo per cui lo si applica è un (comodo) azzardo che solo per caso – e non sempre – porterà al risultato voluto.

The Mythical Man-Month: il confronto con il passato per stimolare la riflessione sul presente

grafica-manifesto-valori-imgIn una disciplina in balia delle mode come lo sviluppo software, leggere la storia della pratica e come si è cercato di analizzare non tanto gli strumenti, quanto il modo in cui venivano utilizzati e come influenzavano le organizzazioni che li usavano, è uno stimolo a trovare sempre un momento per chiedersi il perché di quello che si sta facendo, e – di solito – rassicurarsi del fatto che sia coerente con lo scopo del team e del progetto a cui stiamo lavorando. Ogni tanto ci si accorge che un accessorio è diventato un orpello, oppure che uno strumento che inizialmente prometteva grandi benefici non li ha in realtà concretizzati: bisogna allora essere liberi di accettare l’esperienza e rimuovere quello che non serve, con lo scopo di lavorare meglio per produrre valore.

“The Mythical Man-Month” non ha lasciato nessuno indifferente: qualcuno ha colto i parallelismi con alcune delle metodologie più recenti, qualcun altro ha notato le differenze fra le strutture organizzative di cinquant’anni fa con le nostre, altri ancora, infine, lo hanno trovato complesso perché richiede una prospettiva sul proprio lavoro, che si guadagna con l’esperienza che sta ancora maturando. In ogni caso è stato affrontato con interesse e ha lasciato un segno che sarà oggetto di riflessione in futuro.

La prospettiva sul nuovo anno

Guardando quindi la prospettiva di questo 2024, partiamo con una lista di cose che sappiamo non funzionare bene e di miglioramenti da apportare al modo in cui lavoriamo. Sappiamo che questi perfezionamenti ci servono per poter portare a casa l’elenco, molto più lungo ed in continuo movimento, delle feature che dobbiamo realizzare per supportare la nuova piattaforma .one ed il lavoro degli altri team.

Il passato ci racconta la sua storia, ma i passi da fare vanno inventati e scelti giorno dopo giorno.
ATONEWS
Le persone al centro
Inventario - Aton
Retail · Retail Management·Tech
Andrea Cobre
L’inventario: scenari e tecnologie per il Retail
29/02/2024
Approfondisci
L'IA per inserire gli ordini - Aton
Food & Consumer Goods · Sales·Tech
Andrea Cobre
Inserimento degli ordini? Ci pensa l’IA!
08/02/2024
Approfondisci
NRF 2024 - Aton
Retail · Retail Management·Sales·Tech
Alberto Canova
NRF 2024: Retail’s Big Show
26/01/2024
Approfondisci
The Mythical Man Month - Aton
Tech
Michele Mauro
The Mythical Man-Month: old but gold?
19/01/2024
Approfondisci
Design System DevFest - Aton
Tech
Razvan Dimulescu
Parliamo di Design System: DevFest Venezia 2023
14/12/2023
Approfondisci
IA - Aton
Tech
Cristiano Negri
Esplora l’IA con Aton: 7 casi d’uso che stanno ridefinendo l’innovazione!
12/12/2023
Approfondisci
CASE STUDY
Ecco alcune delle nostre esperienze
Leggi
caffè-vergnano-case-study-aton-img

Caffè Vergnano

Food & Consumer Goods
Oggi Caffè Vergnano è presente sul territorio in 19 regioni con oltre 4.500 clienti Ho.Re.Ca e nel mondo con più di 70 locali in 19 paesi.
Approfondisci
Leggi
unicomm-banner-img

Unicomm

Retail Vendite Omnichannel
Nel corso dei suoi quasi 70 anni di storia Unicomm è cresciuto fino ad essere presente oggi in 7 regioni e 32 province italiane. Con oltre 1500…
Approfondisci
Leggi
shv-energy-case-study-img

SHV Energy

Energy
In una sola web console l’azienda registra i dati, gestisce gli ordini, pianifica i rifornimenti, la manutenzione e si assicura che tutte queste operazioni vengano riportate in modo immediato e automatico nel gestionale.
Approfondisci
Leggi
gruppo-poli-banner-img

Gruppo Poli

Retail Vendite Omnichannel
Poli ha unito tradizione e innovazione nel proprio modo di fare impresa ponendo particolare attenzione ai collaboratori, ai clienti e al territorio. In Aton, ha trovato un partner con…
Approfondisci
Leggi
cattel-banner-img

Cattel

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Cattel S.p.a, azienda leader nel Nord d’Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel canale Ho.Re.Ca ha profondamente trasformato la raccolta ordini adottando la soluzione .onSales B2B di Aton.
Approfondisci
Leggi
Despar-Case-banner-img

Despar

Retail Vendite Omnichannel
Tutte le operazioni di negozio gestite in palmo di mano per gli oltre 600 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar
Approfondisci