Condividi
x

Quale sarà il futuro del nostro lavoro, tra IA e robot?

07/01/2022

Leggo sul sito “Business Insider” un articolo che coglie il mio interesse e mi fa tornare a riflettere su di un tema spesso dibattuto con gli amici. Questo è uno stralcio:

“Alla luce dell’applicazione delle tecnologie della quarta rivoluzione industriale, parliamo di Above e Below API. Per Api si intende Application Programming Interface, ovvero l’interfaccia con cui si può parlare con un programma software. Il concetto del lavoratore che può interfacciarsi con un API per ricevere indicazioni sul lavoro da fare allarga il divario tra lavoratori “Above the API” (lavoro di intelletto) e Below the API (la forza lavoro che riceve indicazioni dalle macchine). L’organizzazione societaria vede dunque sparire la categoria Below The API man mano che le tecnologie vengono applicate, ma vede altresì espandersi la fascia Above the Api che deve acquisire sempre maggiori competenze per governare la tecnica”

Piaccia o non piaccia, questa linea di confine determinerà il successo professionale nostro e soprattutto dei nostri figli. Stando sopra la linea delle macchine ci saranno molte possibilità di realizzarsi professionalmente, altrimenti sarà molto dura

Cosa significa essere “Above the API”? Significa stare sopra l’onda dell’incertezza e dell’imprevedibilità. Essere curiosi, sempre pronti a imparare, al cambiamento e alla ristrutturazione interiore. Mettersi in gioco per tutta la vita, credere profondamente nel miglioramento personale, relazionale, lavorativo e sociale. In sintesi, avere un growth mindset.

Le macchine diventano sempre più intelligenti e le loro performance si stanno rapidamente avvicinando all’uomo. Starci sopra non è banale, con l’andare del tempo diventa sempre più sfidante ma non c’è alcuna alternativa. Man mano che gli automatismi crescono in capacità diminuiscono i posti di lavoro di basso livello e crescono le opportunità per gli ingegneri, gli informatici, i creativi, i coach etc.

Sì, è una selezione cinica. Ma non è altro che la progressione geometrica di un trend che è iniziato ai tempi dell’Homo Sapiens. Di fronte a fenomeni così vasti e inesorabili conviene accettare di buon grado il cambiamento e adattarsi, preparandosi con la massima attenzione al futuro. Trovo ridicolo opporsi al progresso attaccando la globalizzazione, alzando muri e dazi, maledicendo la Cina o invocando con nostalgia i tempi andati. Pensiamo a sfruttare le nuove opportunità imparando bene l’inglese e magari anche il cinese e l’arabo. Studiamo i mercati e le persone: la sociologia, le relazioni, la psiche, le emozioni, l’empowerment, il team working.

Nella mia esperienza di imprenditore ho sempre cercato pervicacemente di stare sopra l’onda perchè mi piace, ma anche perchè sono convinto che se finisci sotto sei spacciato. Ho cercato di sviluppare in azienda nel tempo la capacità di intercettare sia il vecchio da buttare che il nuovo su cui investire. Certe volte ci abbiamo azzeccato, altre no, ma non ci fa paura il cambiamento, anzi. Un mondo fermo, o peggio che va indietro, è una vera iattura. Lo si capisce pensando a cos’era il mondo del lavoro cinquanta o cento anni fa.

La formazione in Aton rappresenta un centro di costo importante. Guardando ai temi su cui abbiamo investito e ai risultati ottenuti sinora sono piuttosto compiaciuto ma non ancora appagato. Spaziano da corsi massivi di inglese al training autogeno, dal GTD (Getting things done) all’ITIL (IT Service Management), dal Coaching alla creatività, dalla PNL all’intelligenza emotiva per citarne solo alcuni. Atonpeople è un cantiere costantemente aperto e i soldi investiti in crescita sia umana che professionale sono i meglio spesi.

Un’educazione famigliare che metta al centro la curiosità, la diversità e la capacità di adattamento e resilienza. Una buona scuola che insegni a imparare. Un ambiente di lavoro e una formazione professionale aperti e di qualità. Questi sono secondo me i principali antidoti al rischio di essere travolti dall’esercito dei robot e che ci consentiranno di starci sopra. Io la vedo così.

ATONEWS
Le persone al centro
People
Giulia Stefano
3 consigli per scegliere l’azienda giusta
30/09/2022
Approfondisci
People·Tech
Michele Mauro
Aton partecipa a Voxxed Days Milano
16/09/2022
Approfondisci
training-clienti-img
People·Service Desk
Alice Vian
Training clienti: la formazione e le installazioni tecniche di Aton
08/09/2022
Approfondisci
aton-manutenzione-hardware-business-continuity-img
Hardware·Planet
Maurizio Bovo
Manutenzione hardware: come garantire la Business Continuity
01/09/2022
Approfondisci
onsummer-kayak-img
People·Planet·Prosperity
Giorgio De Nardi
.onSummer 2022 | Traguardi del primo semestre
05/08/2022
Approfondisci
People·Service Desk
Barbara Bettin
Il Service Desk di Aton non è un Help Desk
27/07/2022
Approfondisci
CASE STUDY
Ecco alcune delle nostre esperienze
Leggi
shv-energy-case-study-img

SHV Energy

Energy
In una sola web console l’azienda registra i dati, gestisce gli ordini, pianifica i rifornimenti, la manutenzione e si assicura che tutte queste operazioni vengano riportate in modo immediato e automatico nel gestionale.
Approfondisci
Leggi
gruppo-poli-banner-img

Gruppo Poli

Retail Vendite Omnichannel
Poli ha unito tradizione e innovazione nel proprio modo di fare impresa ponendo particolare attenzione ai collaboratori, ai clienti e al territorio. In Aton, ha trovato un partner con…
Approfondisci
Leggi
cattel-banner-img

Cattel

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Cattel S.p.a, azienda leader nel Nord d’Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel canale Ho.Re.Ca ha profondamente trasformato la raccolta ordini adottando la soluzione .onSales B2B di Aton.
Approfondisci
Leggi
Despar-Case-banner-img

Despar

Retail Vendite Omnichannel
Tutte le operazioni di negozio gestite in palmo di mano per gli oltre 600 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar
Approfondisci
Leggi
faster-banner-img

Faster

Industrials Soluzioni per la Supply Chain
Tutti i progetti, che siano di successo o meno, hanno storie da raccontare. Un inizio difficile in salita, un partenza ricolma di speranza, colpi di scena ripetuti dove lo spettatore…
Approfondisci
Leggi
granarolo-banner-img

Granarolo

Food & Consumer Goods Vendite Omnichannel
Granarolo, il maggior gruppo agro-industriale del Paese a capitale italiano, tramite la consociata Zeroquattro S.r.l., ha intrapreso un percorso di innovazione nei propri canali di vendita che coinvolge migliaia di…
Approfondisci